News

Approfondimenti e notizie sull’export a livello globale.

Il Québec (Canada) è più vicino a Verona. La Console Generale d’Italia a Montreal incontra i vertici di AC&E

Verona, 8 luglio 2021 – Un ponte tra Verona e il Québec (Canada).

La Console Generale d’Italia a Montreal Silvia Costantini incontra AC&E dando seguito alle relazioni intercorse a seguito dell’accreditamento ottenuto dalla società veronese in Canada.

AC&E North America Inc. vanta, da inizio 2021, l’accreditamento dell’ente canadese Standard Council of Canada (SCC) come Inspection Body autorizzato a svolgere ispezioni secondo lo standard elettrico canadese SPE-1000. Questo permette alla società di essere presente direttamente in Canada fornendo supporto altamente tecnico nel campo ingegneristico.

La visita permette alla Console Generale – accompagnata dal Presidente di AC&E Gino Zampieri e dal Direttore Tecnico Matteo Marconi – di esplorare sinergie, per future importanti collaborazioni tra Verona e la provincia canadese del Québec.

Nel corso di due incontri, con il Presidente del Consiglio Comunale Leonardo Ferrari e con il Direttore Generale della Fondazione Arena Gianfranco De Cesaris è emersa la volontà di favorire il turismo canadese nella città scaligera, come sottolineato dal Presidente del Consiglio Comunale Leonardo Ferrari.

“Verona è un importante crocevia e punto di ripartenza turistico-culturale a livello mondiale, in questo momento storico caratterizzato dalla pandemia. La nostra città, così come tutto il Veneto e l’Italia, è legata al Canada e in particolare al Québec francofono da un saldo cordone ombelicale, che affonda le proprie radici in epoche lontane, caratterizzate dall’emigrazione dei nostri antenati. A testimonianza di questo sono i moltissimi italo-canadesi che vivono Oltreoceano. Mai come oggi, dunque, è fondamentale rinsaldare i rapporti anche tra l’Italia e il Canada. La città di Verona, oltre ad essere un importante punto di riferimento economico, ha nell’Arena uno dei migliori veicoli di promozione culturale. Proprio da questo aspetto culturale potrà basarsi il nostro impegno per una collaborazione fra la nostra città e la grande comunità italo-canadese, specialmente nelle Province Atlantiche canadesi. Il Festival Lirico, infatti, è diventato negli anni un appuntamento immancabile per originalità e qualità proposte, un fiore all’occhiello dell’annuale proposta turistica messa a disposizione di chi visita la nostra città”.

(Leggi il comunicato completo)